giovedì 12 marzo 2015

COME SI FANNO LE ORECCHIETTE: RICETTA CON FOTO PASSO PASSO

Ognuno è fatto di una qualche materia, io mi sento di affermare di essere fatta di semola e acqua, perchè quando impasto mi sale un sentimento dentro, come quando sento suonare un violino, è una specie di alchimia…

…forse perchè la mia vita è stata scandita dall’attesa delle domeniche in famiglia dove si faceva sempre e comunque la pasta di casa,  è un pezzo del mio dna probabilmente, è una parte indelebile del mio bagaglio culturale, che non potevo non mettere a disposizione di chiunque abbia la voglia ed il piacere di farlo anche suo.

 

 

orecchiette

ORECCHIETTE

 

Ingredienti per 4/5 persone:

– 500 g di farina di semola rimacinata di grano duro Senatore Cappelli

– 230/240 ml di acqua tiepida

– 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva biologico

 

Preparazione:

setacciare la farina e disporla a fontana su di una spianatoia.

 

Al centro versare l’acqua tiepida un po’ per volta ed iniziare ad impastare, aggiungere l’olio e continuare ad impastare fino a quando l’impasto non risulterà liscio ed omogeneo, ci vorranno tra i 15 ed i 20 minuti. Formare una palla, avvolgerla in un canovaccio pulito oppure nella pellicola e far riposare per 30 minuti.

 

Riprendere l’impasto e prelevarne un pezzo per volta, lasciando il rimanente al coperto, ed iniziare a formare dei cordoncini spessi quanto una matita.

Infarinare leggermente i cordoncini e ricavare pezzetti di circa 1,5 cm di lunghezza.

 

orecchiette cordoncini

 

Posare un coltello con punta tonda sul pezzetto di impasto, esercitare una leggera pressione con l’indice e trascinarlo verso sè.

 

orecchiette 1

Aiutandosi con il pollice rigirare su se stesso l’impasto trascinato ed ottenere l’orecchietta.

 

orecchiette 2

 

Adagiare su di un vassoio di carta e fare asciugare all’aria per qualche ora prima di cuocerle.

In genere la cottura delle orecchiette fresche va dai 4 ai 6 minuti.

 

Le orecchiette si possono anche conservare in freezer, avendo cura di farle congelare distese su di un vassoio ben distanziate l’una dall’altra e a congelamento avvenuto riporle in un sacchetto.

Al momento del consumo calarle direttamente, senza scongelarle prima, nell’acqua bollente salata.

 

 

orecchiette 3

In dispensa:

olio extravergine di oliva biologico Calandrone

 

A tavola:

– canovacci GreenGate

Pubblicato da Marilù
3 peperoncini

Lascia un commento

I campi contrassegnati con l'asterisco * sono obbligatori.
L'indirizzo email non verrà reso pubblico.
*
*
Grazie a tutti voi che lasciate un segno del vostro passaggio nel mio blog: è questo quello che mi dà l'entusiasmo per andare avanti!

 
sabato 31 gennaio 2015

HOTTY DEL FORNO CALZOLARI: IL MUST HAVE IN LIMITED EDITION DELLA STAGIONE INVERNALE 2015 BOLOGNESE

Hotty-1

Inaspettatamente e piacevolmente questo inverno, tra una pioggia e l’altra, ci riserva qualche mattinata di sole che diventa una meravigliosa scusa per andare un po’ a zonzo per la città con il mio cappottino rosso di ordinanza, il basco alla francese e la sciarpa, e così mi affaccio alla vita bolognese baciata dal tepore invernale e un’aria frizzante nelle narici che mi carica di energia positiva.

 

E quando ci sono queste giornate che mi sembrano un regalo personale (probabilmente peccando di manie di protagonismo, ma tant’è), mi piace andare a fare colazione nei baretti con i tavolini all’aperto, sì, anche se siamo nei giorni della Merla, i più freddi dell’anno, e poi al mercato a comprare la frutta e la verdura buona ed il pane fresco al farro, rigorosamente del Forno Calzolari, fragrante, ancora tiepido, a cui irrimediabilmente stacco un pezzetto di scorza croccante ancor prima di mettere il resto in tasca, e da oggi pret a porter nel sacchettino di cotone “Hotty”, in limited edition: solo 100 sacchetti cuciti a mano, con dentro chicchi di grano, da riscaldare al forno o al microonde per mantenere il pane, ma anche le mani, al caldo.

 

Un’idea rivoluzionaria di Matteo Calzolari che, ne sono certa, farà tendenza diventando l’oggetto dei desideri di ogni adorante dell’arte bianca, il must have della stagione di ogni gastrofanatico che si rispetti… inutile sottolineare che io il mio Hotty già l’ho preso e che per questo inverno sarà il mio personalissimo “mai più senza”, che tanto ormai le borsette in pelle griffate sono out!

 

 

Hotty

 

Il Forno di Calzolari

– via del Mercato 2, Monghidoro (Bo);

– via delle Fragole 2, Bologna;

– via Clavature 12, c/o Mercato di Mezzo, Bologna;

– Piazzatta Pasolini, c/o Mercato della Terra, Bologna

Sito: www.fornocalzolari.it

Pubblicato da Marilù
2 peperoncini

Lascia un commento

I campi contrassegnati con l'asterisco * sono obbligatori.
L'indirizzo email non verrà reso pubblico.
*
*
Grazie a tutti voi che lasciate un segno del vostro passaggio nel mio blog: è questo quello che mi dà l'entusiasmo per andare avanti!