lunedì 19 novembre 2012

FOCACCIA AL FORMAGGIO (NON PROPRIO) DI RECCO

Focaccia al formaggio di Recco
L’originale non l’ho mai assaggiata, ma la curiosità per questa preparazione ce l’ho da sempre.
Circolando in rete, in uno dei miei giri compulsivi alla ricerca di ricette interessanti, mi sono imbattuta sul sito della focaccia di Recco, e sorpresa delle sorprese ho trovato uno stralcio del disciplinare dove vengono indicati sia gli ingredienti che il procedimento.
E letto fatto, con le dovute proporzioni e qualche aggiustamento dovuto ai miei gusti personali (non mi piace il sapore gli impasti 100% manitoba), ecco qua una splendida focaccia, che se non si può definire proprio di Recco è venuta davvero buonissima.
Preparatela, perchè è di semplicissima esecuzione, veloce e davvero molto sfiziosa!

 

 

Focaccia al formaggio di Recco
FOCACCIA AL FORMAGGIO (NON PROPRIO) DI RECCO

 

Ingredienti (per una teglia tonda per pizza da circa 30 cm):
- 200 g di farina 0 bio macinata a pietra
- 50 g di farina manitoba
- 130 ml di acqua naturale
- 5 g di sale marino integrale bio
- 25 g di olio evo bio
- 200 g di crescenza

 

Preparazione:
miscelare le due farine e lavorarle con l’acqua, il sale e l’olio, impastare fino ad ottenere un impasto morbido e liscio.
Far riposare la pasta, a temperatura ambiente e coperta, per almeno mezz’ora ( io l’ho lasciato per un’ora e mezza).
Dividere l’impasto in due porzioni equivalenti.
Allargare, su un piano infarinato, ogni disco con il mattarello e poi con le mani, fino a farlo diventare una sfoglia sottilissima (circa un millimetro), cercando di non forare la sfoglia. Adagiare su una teglia leggermente oliata e distribuire il formaggio a piccoli pezzi. Andare a coprire con la seconda sfoglia, stesa ancora più sottile.
Saldare i bordi, schiacciandoli con il mattarello, ed eliminare la pasta in eccesso, bucherellare con le dita la sfoglia superiore.
Aggiungere un filo d’olio sulla superficie e infornare a 250 C, per circa 12-15 minuti o comunque fino a quando la superficie non risulterà ben dorata con bolle o striature marroni.

 

 

Focaccia al formaggio di Recco
Vi lascio anche questo splendido video per vedere che meraviglia è la preparazione della vera focaccia di Recco, che mi ha aiutato, e non poco, nel procedimento. Sono sicura che sarà utile anche a voi quando vorrete cimentarvi in questa gustosissima focaccia.

 

 

 

In dispensa:

- olio evo bio Calandrone

Pubblicato da Marilù
11 peperoncini
 
 

Commenti:

  1. Giovy scrive:

    La focaccia di Recco è una cosa che adoro. Brava Marilù.

  2. Meravigliaaaaaa non sarà quella originale ma un aspetto super invitante. Buona settimana Mari, si vede che oggi finalmente riesco a stare al pc?? avevo proprio voglia di venirti a trovare

  3. Bellissime! Neanche io ho mai provato l’originale, ma bisogna assolutamente provare a farle! ;)
    Buona giornata!

  4. vicky scrive:

    Fantástica receta y preciosas fotos.Felicidades
    Un beso

  5. Federica scrive:

    Neanch’io ho mai assaggiato la focaccia di Recco originale ma la tua, originale o no, ha un aspetto decisamente invitante. Sarebbe anche l’ora per uno spuntino…Un bacio, buona settimana

  6. giulia scrive:

    bhe che sia di recco o no a me non interessa…me la pappo comunque! un bacio marjlou!!!

  7. Pola M scrive:

    Questa e’ una cosa sulla mia lista da tempo immemore… prima o poi la faccio per sul serio!

  8. Chiara Giglio scrive:

    ero a Recco un paio di anni fa e ti posso assicurare che è una cosa sublime. Guardando la tua trovo notevoli somiglianze , brava!Buona settimana…

  9. sississima scrive:

    mai mangiata e mai preparata, segno la ricetta così la provo, un abbraccio SILVIA

  10. Valentina scrive:

    Carissima, non sarà proprio di Recco ma è ottima!!! mio papà che è ligure ha sempre tenuto molto alla focaccia di Recco e quando portava me e mia mamma in Liguria, ci conduceva nei forni di sua conoscenza per scegliere quella migliore. E’ vero, è buonissima in effetti, ma non è facilissima da replicare. Io ci ho provato un po’ di volte ma non mi viene mai morbida come la loro. E allora sai cosa faccio? Quando arriva l’Artigiano in Fiera a Milano, vado nelo stend della Ligura e ne approfitto :)))
    un bacione,
    Vale

Lascia un commento

I campi contrassegnati con l'asterisco * sono obbligatori.
L'indirizzo email non verrà reso pubblico.
*
*
Grazie a tutti voi che lasciate un segno del vostro passaggio nel mio blog: è questo quello che mi dà l'entusiasmo per andare avanti!